Biostimolazione

La Biorivitalizzazione: 

 

Nota anche come biolifting, è una procedimento medico non invasivo  che restituisce elasticità e tono ai tessuti cutanei. Consiste nella iniezione di una serie di farmaci biostimolanti come l’acido ialuronico puro, sali minerali e bioristruttranti come le  vitamine (A, B3, B5 B6, B12, C, E), allo scopo di favorire la sintesi del collagene ed elastina da parte dei fibroblasti e di idratare in profondità la pelle garantendo al viso e al collo un aspetto fresco e levigato. 

La biorivitalizzazione è oggi uno dei trattamenti estetici più richiesti e differisce dagli altri procedimenti in quanto non presenta alcun tipo di controindicazione o effetto collaterale. 

Può essere effettuata anche mixando le proprietà  biostimolanti dell’ acido ialuronico puro  con quelle bioristruttante  delle vitamine.

 

Biorivitalizzazione e filler:

E’ molto importante sottolineare che biorivitalizzazione e filler sono due trattamenti diversi in quanto l’acido ialuronico utilizzato nel biolifting, a differenza di quello presente nei filler (reticolato) utilizzato per distendere rughe o volumizzare guance, zigomi e labbra, è libero consentendo una diffusione maggiore nel derma  e dunque una propagazione  maggiore in più aree con effetto a macchia d’olio. Possibile oltre che molto utile l’abbinamento con protocolli personalizzati fra biorivitalizzazione , filler , e ultrasuoni microfocalizzati in cui derma a tutto spessore e muscolatura mimica del viso (SMAS) e del collo (PLASTISMA) vengono coinvolti globalmente al fine di garantire un risultato non solo ottimale ma anche duraturo nel tempo.

 

Biorivitalizzazione viso associata alla radiofrequenza:
Alla biorivitalizzazione iniettiva può essere associata la radiofrequenza, un trattamento che sfrutta il calore per determinare la contrazione delle fibre del collagene e rendere la pelle più compatta e distesa.

 

Biorivitalizzazione viso con fili biostimolanti:
La biorivitalizzazione può anche essere effettuata con fili biostimolanti in PDO (Polidioxanone), i quali vengono inseriti nel viso con aghi ipodermici. Si tratta di fili riassorbibili che garantiscono un effetto di sostegno immediato ai tessuti lassi. 

Biorivitalizzazione viso senza aghi:
Negli ultimi tempi è stata messa a punto una biorivitalizzazione senza aghi, che si serve di appositi dispositivi elettromedicali in grado di veicolare i principi attivi nella cute  e facendo penetrare il liquido senza necessità di utilizzare gli aghi.

 

Biorivitalizzazione viso con gel piastrinico (PRP)
Il PRP, ovvero il plasma arricchito in piastrine (platelet riched plasma), è una particolare declinazione della biorivitalizzazione, che è stata messa a punto in America. Essa prevede l’infiltrazione di un gel piastrinico nella cute, allo scopo di velocizzare il processo di rigenerazione cellulare. Dopo il trattamento con prp il viso risulterà compatto, tonico e luminoso.

L’efficacia di questa innovativa procedura è visibile entro 2 o 3 settimane.

 

Applicazioni


La biorivitalizzazione è un efficace trattamento antiage, in grado di tonificare il derma profondo del viso, di spianare le rughe della fronte, le rughe di espressione, le rughe della bocca, le rughe glabellari e di ridurre le occhiaie. Ma non finisce qui: il biolifting, infatti, agisce anche su altri inestetismi cutanei come il melasma e le macchie scure del viso.

Questo lifting del viso non chirurgico, che mira a bloccare il processo di invecchiamento del viso, svolge principalmente tre funzioni:

 

  • produce un’azione ristrutturante, in quanto favorisce il ricambio cellulare e stimola la produzione di collagene nel viso, elastina e acido ialuronico, contrastando in tal modo il rilassamento cutaneo del viso;

  • produce un effetto anti-ossidante, ovvero contrasta l’azione dei radicali liberi, principali responsabili dell’invecchiamento cellulare;

  • ha un’azione idratante, poiché stimola il richiamo di acqua nei tessuti, producendo un rapido ringiovanimento del viso e una significativa riduzione delle rughe.

 

La BIORIVITALIZZAZIONE  tramite la somministrazione di acido ialuronico libero  determina una importante ed immediata idratazione cutanea, complemento ideale alla bioristrutturazione ed ai fillers per ottenere un importante miglioramento del risultato nel trattamento globale.

 

Risultati e benefici

I principali benefici della biorivitalizzazione  viso sono i seguenti:

  • compattezza ed elasticità della pelle

  • luminosità

  • turgore cutaneo

  • riduzione significativa delle rughe sottili

  • rivitalizzazione del viso

 

Questo trattamento è controindicato alle gestanti, ai portatori di pacemaker, ai pazienti cardiopatici e ai soggetti affetti da epilessia.

 

La Bioristrutturazione:

Costituisce uno dei punti di forza tra le tecniche usate in Medicina Estetica per migliorare i processi legati all’invecchiamento cutaneo. 

 

Il suo obiettivo è reintegrare i costituenti fondamentali della pelle, assicurare un’idratazione del derma e stimolare il turnover cellulare.

 

Ripristinare la quantità di acido ialuronico che inevitabilmente si riduce con l’avanzare dell’età  è fondamentale perché uno dei più importanti componenti della cute, dove svolge innumerevoli funzioni. È una molecola capace di legare una grandissima quantità di acqua: pertanto una pelle ricca di acido ialuronico è una pelle idratata, turgida e compatta. Inoltre funziona come una sorta di binario attorno al quale si organizzano le altre molecole,  di conseguenza la pelle ricca di acido ialuronico ha una struttura più omogenea e resistente.

 

Attraverso la biostimolazione si rallenta quindi l’invecchiamento cutaneo, riportando la pelle ad un aspetto più giovane.

 

Dopo i 30 anni le cellule del derma, i fibroblasti, rallentano la loro attività limitando la produzione di fibre e di acido ialuronico, il principale fattore di idratazione naturale della pelle. 

Per questo la pelle aumenta il suo spessore di cheratina e diminuisce complessivamente lo stato di idratazione ed elasticità. Se noi somministriamo i costituenti che risvegliano le cellule, la pelle ritorna al suo precedente splendore. 

 

Utilizzando quindi i precursori dell’acido ialuronico stimoliamo la cute verso un complessivo miglioramento delle funzioni produttive positive e metaboliche, con un risultato importante: la pelle acquista più elasticità, più turgore, più luminosità! Una pelle in equilibrio è capace di difendersi meglio dallo scorrere del tempo e dalle avversità che giocano importanti ruoli nell’invecchiamento cutaneo

Pasted Graphic 6.png